Tutto nelle mani di Mattarella? Sospetti: Renzi se perde prova la "rivincita", Berlusconi in ginocchio, le velleità di Salvini e l'harakiri di Grillo

. Politica

La vicenda referendaria e' una delle più appassionanti pagine politiche dell'Italia repubblicana, dove sono in gioco tante cose che vanno ben al di la' dei singoli protagonisti, Innanzitutto  c'e' la possibilità che la Costituzione cambi radicalmente, da come la avevano disegnata i padri costituenti. Certamente in molti c'e' un po' di tristezza, se così sarà perché ormai tutti si erano abituati ai bilancini e controbilancino studiati ad arte perché una parte non potesse sopraffare l'altra. La sera el 4 dicembre ci sarà il verdetto inappellabile degli italiani, che già bocciarono una riforma simile di Berlusconi, ma sarà dall'alba del 5 dicembre che si apriranno i giochi politici. Ormai gli scenari sono arciconosciuti a chi legge almeno un po', con il Si' un Renzi che potrà dettare legge e decidere come procedere dopo avere vinto la sua battaglia interna nel Pd, con il No, un'infinita di variabili che  vedono comunque sempre al centro, almeno per un certo periodo Renzi. Ma molto condizionato e sconfitto internamente da Bersani, con conseguenze da verificare. Cioè a quel punto sarebbe da vedere se Renzi riuscirà oppure no a rimanere segretario del Pd. Questa la sua prima priorita', più di palazzo Chigi. Il possibile futuro protagonista potrebbe diventare Sergio Mattarella, che in caso di vittoria del No, dovrà prendersi tutta la responsabilità di decisioni difficili e divisive. Il Presidente della Repubblica non e' un decisionista spinto al pari di Napolitano, ma e' uno che ben sa come funzioni la macchina democratica e se chiamato in campo potrebbe stupire. E' l'unico al di fuori di sospetti, perché, a differenza di re Giorgio, non parteggia per nessuno. Vuole solo esercitare il suo ruolo nella maniera più corretta possibile. Poi c'e' Renzi, l'indiscusso protagonista, nel bene e nel  male, del referendum. Si gioca o dice di giocarsi tutto. Se vincerà si autolancera' a diventare il primo premier di quella terza Repubblica da lui ferocemente voluta. Il sospetto:  Dice che se perderà starà davanti alla Tv a mangiare pop corn e a guardare quelli della casta che ritornano. Ma e' vero? Oppure tenterà la rivincita, magari andando a votare con l'Italicum, per giocarsi tutto in una sola mano di poker con Grillo? Berlusconi e' sempre una casella importante nello scacchiere politico. Per una volta ha mantenuto quello che aveva detto. E' stato coerente con il No, in modo "nobile", senza schierare le sue televisioni, che anzi si sono mostrate più per il Si' come del resto la Rai, ed ha spiegato quello che vuole, un ritorno al proporzionale. Il sospetto: Che voglia liquidare il centrodestra e Salvini, approdare in Parlamento con una pattuglia, questa volta di fidatissimi, e sostituire Angelino Alfano "nullatenente" in termine di voti, nella collaborazione con Renzi. Matteo Salvini, che tanto aveva fatto sperare il popolo del centrodestra per poi approdare in una confusa visone globale, tanto da beccarsi i rimbrotti del sempre vigile politicamente Umberto Bossi, si appresta ad intestarsi un'eventuale vittoria del No. Il sospetto e' che non abbia ben chiara una strategia politica vincente. Infine la figura più complessa, quel Beppe Grillo, che avrebbe avuto tutto da guadagnare da una vittoria del Si e dal mantenimento dell'attuale sistema di voto, l'Italicum. Non c'e' un sondaggio che non lo accreditasse della vittoria finale, sia trionfale con il centrodestra, che un po' più di misura, ma pur sempre in maniera ampia, nei confronti di Renzi. E con la riforma se passasse, avrebbe avuto i poteri che un premier non ha mai avuto. Perché' si e' comportato così? Qui il sospetto dovrebbe essere affidato a degli analisti, oppure bisognerebbe andare a pescare nell'oscurità della politica. Altro mistero e' perché i suoi non si ribellino o quantomeno non chiedano spiegazioni. Quello che sta mettendo in atto Grillo e' il più grande harakiri nella storia della politica pacifica.

©in20righe - RIPRODUZIONE RISERVATA




Potrebbero interessarti:

I commenti sono chiusi