Zingaretti, governo utile solo se ferma destra e realizza vero cambiamento

. Politica

Stop ai mille e inutili fuochi di polemica accesi ogni giorno dal Movimento5stelle. Se si continua lungo questa china il governo giallorosso non può farcela. Nicola Zingaretti scrive a Repubblica per mettere a fuoco una situazione ormai gravissima: "Non possiamo sottovalutare in alcun modo il rischio che la maggioranza di governo tra distinguo, liti e sgambetti si allontani sempre più da i bisogni e dalla voglia di riscatto del paese", è il grido d'allarme in particolare di fronte al continua esplodere di "drammatiche crisi aziendali, che dovrebbero molto di più influenzare l'agenda politica. Svolta Lo abbiamo detto dal primo giorno incalza il segretario Pd -: accettiamo la sfida del governo solo a condizione che produca una svolta in grado di fermare la destra e realizzare un cambiamento reale, economico e sociale. E in grado di rispondere alla cultura dell'odio con la costruzione di una speranza". Di fronte alle continue giravolte propagandistiche di Di Maio e dei suoi, Zingaretti fa un pressante richiamo "alla responsabilità. Non si può governare insieme se ci si sente avversari e senza una visione comune del futuro". Il Pd intende assumersi in prima persona l'onere di "dare un segno di unità, sobrietà, disinteresse nell'impegno e nel fare bene al paese, un'attenzione etica nel costruire piuttosto che distruggere" e richiama l'input giunto forte e chiaro dalle piazze delle Sardine: "Ci dicono questo: è ora di mettere alle spalle ogni egoismo, ogni tatticismo, ogni chiusura, per rimettere al centro un cammino delle persone. Le nuove piazze reclamano una bella politica. Una politica non urlata, ma ragionata. Una politica non leaderistica, ma collettiva. Una politica piena di idee, sogni realizzabili con la passione, la pazienza del fare quotidiano". Passo A questo punto, quindi, "occorre immediatamente, e con urgenza, cambiare passo. Il Governo Conte è nato con l'ambizione di realizzare una rigenerazione democratica. La manovra economica che si sta approvando, pur partendo da condizioni molto difficili, rappresenta un'inversione di tendenza. Ora fondamentale è ricostruire la fiducia nel paese" e invece "la scarsa generosità di alcune insensate polemiche nella maggioranza, di una ricerca ossessiva e quotidiana di visibilità sono i segni di un vecchio modo di intendere la politica, tanto più dannoso di fronte a una destra nuova risorgente e pericolosa". Lavoro Il Pd, conclude Zingaretti, vuole sostenere "un governo che ha un senso solo a condizione che interpreti" il "sentimento positivo e di riscatto che sta crescendo nel paese, per creare lavoro e sviluppo, per scommettere sulla rivoluzione verde, per investire sulla scuola e l'università, per semplificare la vita degli italiani, per nuove politiche industriali, per infrastrutture utili, per sostenere la rivoluzione digitale".
(foto da profilo FB N. Zingaretti)

©in20righe - RIPRODUZIONE RISERVATA




Potrebbero interessarti:

I commenti sono chiusi