M5s inciampa su casa 'di servizio' per ex ministra Trenta. Di Maio, "la lasci"

. Politica

Figuraccia. M5s inciampa su di un privilegio: la casa 'di servizio' per un suo ex ministro nel governo gialloverde in coabitazione con la Lega, la responsabile della Difesa, Elisabetta Trenta. Il capo politico Luigi Di Maio si arrabbia e fa sconfessare la ministra dal Blog delle stelle e poi ordina perentorio: "La devi lasciare". Procura militare Sullo scandalo portato alla luce dal Corriere della sera, la Procura militare ha aperto un fascicolo e avviato un'indagine - viene fatto sapere - meramente conoscitiva, per compiere i dovuti accertamenti. Intervistata da quotidiano milanese l'ex ministra pentastellata cerca di giustificare la vicenda: "Un ministro durante la sua attività ha necessità di parlare con le persone in maniera riservata e dunque ha bisogno di un posto sicuro. Avevo bisogno di un posto dove incontrare le persone, di un alloggio grande". 200 metri E sul fatto di aver mantenuto l'alloggio (si parla di circa 200 metri quadri vicino a San Giovanni in Laterano, zona centralissima della capitale) sostiene: "E anche adesso continuo ad avere una vita diversa. È una vita di relazioni, di incontri. La casa" ora "è stata assegnata a mio marito" militare "e in maniera regolare. Per quale motivo dovrebbe lasciarla?". 540 euro Trenta, che dopo la fine dell'esperienza ministeriale si è candidata per essere uno dei 12 "facilitatori" che dovrebbero affiancare Di Maio nella guida del movimento grillino, dice a Radio Capital: "Nessun privilegio, quella casa spetta a mio marito e paghiamo tra affitto e condominio 540 euro al mese...". Di Maio non ci sta e va al nodo della questione: "È opportuno che in questo momento la ministra, dopo aver avuto tre mesi di tempo per lasciarlo, lasci quell'alloggio. Poi il marito farà la richiesta" per ottenerne uno, "seguendo la normale graduatoria. È la cosa più corretta da fare. Questa cosa fa arrabbiare i cittadini e anche noi. Con tutti gli errori che si possono fare questo non è accettabile". Blog Il Blog delle stelle incalza in quella che appare a tutti gli effetti come una scomunica: "Le spiegazioni non sono sufficienti. I nostri valori sono incompatibili con l'intenzione di mantenere l'appartamento. Questa situazione è inaccettabile. Non sono concessi sconti. Questa è una guerra a una mentalità molto radicata nel nostro paese. O la trasformiamo noi o nessuno lo farà al posto nostro. Questa vicenda non danneggerà il grande lavoro di tutto il Movimento" e ancora: "L'animo delle persone non si può cambiare; che il singolo sbagli può accadere, ma i nostri valori sono intoccabili e li facciamo rispettare. Sempre. Questo è ciò che ci distingue dai partiti".
(foto da profilo Facebook E. Trenta)

©in20righe - RIPRODUZIONE RISERVATA




Potrebbero interessarti:

I commenti sono chiusi