Coronavirus, Trump vuole prima per gli Usa il vaccino made in Germania...

. Esteri

Il presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, risultato negativo per il coronavirus, da un lato ha deciso di dichiarare l'emergenza nazionale per fronteggiare la pandemia da Covid-19 e dall'altro - secondo i media tedeschi - starebbe brigando per ottenere innanzitutto per l'America un promettente vaccino made in Germany. Fonti "Welt am Sonntag", edizione della domenica del quotidiano Die Welt, citando fonti anonime, rivela che il capo della Casa Bianca avrebbe offerto importanti finanziamenti agli scienziati tedeschi impegnati sul vaccino, al fine di assicurarsi in via prioritaria per gli Usa i risultati del loro lavoro. L'azienda biofarmaceutica in questione è la CureVac, con sede a Tubinga, che opera nello sviluppo di vaccini e farmaci per il trattamento del cancro e di malattie rare. Fondata nel 2000, CureVac ha circa 400 dipendenti e lavora a terapie basate sull'RNA messaggero (mRNA). RNA Si tratta del RNA che codifica e porta informazioni durante la trascrizione dal DNA, trasmettendo le informazioni genetiche che dirigono la sintesi di proteine specifiche. Molti virus codificano le loro informazioni genetiche utilizzando un genoma a RNA. CureVac, che ha rifiutato commenti ufficiali, lavora in collaborazione con l'Istituto Paul Ehrlich, collegato con il ministero della Salute tedesco e ha anche una sede a Boston. Venerdì scorso il co-fondatore di CureVac, Florian von der Mülbe, aveva dichiarato all'agenzia di stampa britannica Reuters che era iniziata la ricerca su diversi possibili vaccini e che i due più promettenti sarebbero stati scelti per i test clinici. Dosi La società punta a sviluppare un vaccino sperimentale entro giugno o luglio e di ottenere l'approvazione per i test sugli esseri umani. La capacità produttiva sarebbe rapidamente di dieci milioni di dosi di vaccino. In un comunicato del 2 marzo scorso l’azienda informava che il Ceo, Daniel Menichella, era stato invitato a Washington per discutere strategie per il rapido sviluppo e produzione del vaccino con il presidente Trump, il vicepresidente Pence, e componenti della task force anti-Coronavirus. Successivamente, l'11 marzo, la società ha annunciato la sostituzione di Menichella con il fondatore della società Ingmar Hoerr: "CureVac ha un team eccezionale - ha detto il neo amministratore delegato -, una competenza straordinaria e un enorme potenziale. Il vaccino contro Covid-19 è un compito decisivo". Visionario Un alto dirigente ha sottolineato: "In qualità di amministratore delegato, fondatore, scienziato e visionario, Hoerr conosce meglio di chiunque altro l'azienda ed è la persona giusta per guidare CureVac nel futuro. Siamo convinti che lui e il suo team riusciranno a sviluppare importanti terapie e vaccini, come quello contro il Coronavirus".
(immagine da sito curevac.com)

©in20righe - RIPRODUZIONE RISERVATA




Potrebbero interessarti:

Aggiungi commento

Tutti i lettori possono manifestare il proprio pensiero nelle varie sezioni del sito. Ferma restando la piena libertà di ognuno di esprimere il proprio parere su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti, i commenti che risulteranno essere in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.



Aggiorna