L'Iran ammette: "Siamo stati noi per errore ad abbattere il Boeing ucraino"

. Esteri

"Abbiamo abbattuto noi, per un errore umano, il Boeing ucraino". Una settimana dopo la tragedia aerea che ha provocato 176 vittime arriva la verità. Sono stati i massimi vertici civili, religiosi e militari del paese guidato dagli ayatollah a rivelarla stamane, ma i sospetti sul vero motivo per cui l'aereo civile era precipitato - nessun guasto come sostenuto da Teheran fin dal primo momento - si stavano infittendo e l'esame delle due scatole nere li ha confermati: il Boeing è stato colpito da un missile iraniano sparato proprio la notte della 'pioggia' di razzi contro le basi Usa in Iraq come rappresaglia per l'uccisione da parte americana del generale Soleimani. In quel momento e in quel clima l'errore fatale di un militare che "senza nessun ordine" e anche per colpa di un "intoppo nelle comunicazioni", dicono gli iraniani, ha lanciato il missile terra-aria verso il Boeing ucraino appena decollato dall'aeroporto di Teheran. Chi ha premuto il bottone ha scambiato il volo civile come un "velivolo ostile" in avvicinamento verso una  base militare dei pasdaran. "Un catastrofico errore" lo ha definito la Guida suprema Ali Khamenei. Una nota dell'agenzia ufficiale iraniana, Fars, spiega che proprio Khamenei ha voluto che la verità venisse rivelata al mondo "in modo esplicito e onesto". Rammarico anche dal presidente Hassan Rohani che ha parlato  di "errore disastroso" e promesso che "gli autori di questa grande tragedia saranno identificati e perseguiti". E di errore umano ha parlato anche il ministro degli Esteri di Teheran, Javad Zarif, che ha tentato però di scaricare parte della responsabilità per la tragedia al momento concitato causato dall'"avventurismo Usa".

©in20righe - RIPRODUZIONE RISERVATA




Potrebbero interessarti:

Aggiungi commento

Tutti i lettori possono manifestare il proprio pensiero nelle varie sezioni del sito. Ferma restando la piena libertà di ognuno di esprimere il proprio parere su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti, i commenti che risulteranno essere in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.



Aggiorna