Il solito 'vizietto' inguaia Lapo Elkann, arrestato e rilasciato a New York: aveva simulato un sequestro

. Cronaca

Inguaiato dal solito 'vizietto': Lapo Elkann, 39 anni, nipote di Gianni Agnelli e imprenditore nel campo della moda, e' stato arrestato e poi rilasciato dalla polizia di New York per aver simulato un sequestro allo scopo di ottenere dalla famiglia 10.000 dollari. Gli servivano perchè aveva speso tutto dopo aver passato due notti di bagordi - alcol e droga, dicono i media americani citando fonti di polizia - insieme ad un trans (una donna transgender di 29 anni) a Manhattan e doveva restituire i soldi a chi gli aveva fornito degli stupefacenti (il trans appunto). Lapo avrebbe quindi pensato bene di escogitare un falso sequestro per indurre i familiari a tirar fuori la somma raccontando loro di essere trattenuto contro la sua volontà e minacciato. Ma proprio i familiari hanno avvertito la polizia che ha organizzato una finta consegna del denaro per smascherare l'imbroglio. Cosa che è puntualmente avvenuta e che ha portato all'arresto e poi al rilascio dello stilista italiano che dovrà ora comparire davanti ad una corte accusato di falsa denuncia. Fonti vicine a Lapo interpellate dall'ANSA hanno dichiarato di "non avere nulla da commentare o da aggiungere alla notizia circolata". Non e' il primo scandalo del genere per il nipote dell'Avvocato: nel 2005 fu salvato in extremis da una overdose di droga in un appartamento di Torino dopo una notte brava in compagnia di un transessuale.

©in20righe - RIPRODUZIONE RISERVATA




Potrebbero interessarti:

I commenti sono chiusi