12.000 migranti sbarcati in una settimana, 700 morti in tre naufragi

. Cronaca

E' un'escalation. Prosegue senza soste - col bel tempo e il mare relativamente calmo - la fuga dalle coste della Libia di migranti a bordo di barconi fatiscenti, vittime di trafficanti di esseri umani che si fanno pagare un 'viaggio' anche 2-3.000 dollari. Un 'viaggio' pieno di rischi ma che è anche l'ultima speranza di una vita migliore per i disperati che fuggono dalle guerre o semplicemente dalla miseria. Le cifre fornite dalle organizzazioni internazionali di assistenza ai rifugiati confermano che, chiusa la rotta balcanica, bloccato il confine tra Grecia e Macedonia, fermato l'esodo di siriani dalla Turchia, è diventata l'Italia la mèta dei migranti da Africa e Asia e i nostri centri di accoglienza sono già al collasso. Solo nell'ultima settimana sono stati soccorsi in 12.000 nel Canale di Sicilia e almeno 700 sono state le vittime degli ultimi tre naufragi. E tra questi 40 bambini, quelli annegati nell'ultimo barcone affondato giovedì' notte.

©in20righe - RIPRODUZIONE RISERVATA




Potrebbero interessarti:

I commenti sono chiusi