Meno casi, più vittime. E per i 'furbetti' arrivano le super-multe

. Cronaca

Sul fronte dell'epidemia da Coronavirus per il terzo giorno consecutivo sono diminuiti i nuovi contagi: 3.612 persone in più rispetto a lunedì, quando si era registrato un +3.780. E' risalito però il numero delle vittime: nelle ultime 24 ore sono state 743 (400 in Lombardia e 340 solo a Piacenza), contro i 601 di ieri, per un totale fino ad oggi di 6.800. Circa 8.000 i guariti. Un'altalena prevista e anche un invito a non eccedere in facili entusiasmi. Intanto il governo ha deciso di inasprire le sanzioni contro chi viola le norme volte al contenimento dei contagi e a convincere gli italiani a restare a casa o a muoversi solo per fondati motivi. Il Consiglio dei ministri, ha riferito il premier Giuseppe Conte, ha approvato un decreto che stabilisce (al posto dell'ammenda da 206 euro prevista nel primo Dpcm) per chi viola le norme, furbetti e non, una sanzione amministrativa, in sostanza una super-multa, da 400 a 3.000 euro. Che può aumentare di un terzo se chi viene trovato a violare le regole per il contenimento della mobilità è alla guida di un'auto. Non previsto il fermo amministrativo come ipotizzava una prima bozza del provvedimento. I contenuti del decreto potranno essere rinnovati di mese in mese fino al 31 luglio (data individuata a gennaio come ipotizzabile fine dell'emergenza sanitaria). "Spero e confido che queste norme possano essere superate e ritirate ben prima di quella data" ha commentato Conte.

©in20righe - RIPRODUZIONE RISERVATA




Potrebbero interessarti: