Mai così tanti morti: 475 in un giorno. Neanche in Cina

. Cronaca

La notizia confortante è che il trend dei contagi non è in aumento. Quella brutta, terribile, devastante, è il numero delle vittime del coronavirus in 24 ore: 475 morti, tanti quanti nemmeno in Cina in un solo giorno. E niente, o meglio ancora niente e il picco non si vede: il virus che ha contagiato 200.000 persone al mondo provocando 8.000 morti non accenna a placare la sua letalità e continua a mettere nel mirino l'Italia, un virus che ha infettato dall'inizio dell'epidemia 35.713 persone e provocato quasi tremila morti (2.978). Le persone guarite sono 1.084, in aumento. Attualmente i soggetti positivi sono 28.710 (il conto sale a 35.713 se nel computo ci sono anche i morti e i guariti). I pazienti ricoverati con sintomi sono 14.363; 2.257 sono in terapia intensiva (+197), mentre 12.090 sono in isolamento domiciliare fiduciario. Delle 475 vittime di oggi ben 319 sono state registrate in Lombardia, la regione che sta pagando il tributo più alto alla pandemia: Bergamo in ginocchio. Il presidente Fontana: "Fra poco non saremo più nelle condizioni di dare una risposta a chi si ammala". Ma Fontana ha lanciato un altro allarme: "Troppa gente in giro, i i cittadini devono stare a casa. Dovete stare a casa! Ogni uscita di casa è un rischio per voi e per gli altri". E il governo ha fatto suo l'appello e sta pensando ad irrigidire ancora di più le misure per contenere gli spostamenti fino a vietare il jogging e le 'corsette' (i furbetti sono avvertiti). 43.000 le denunce in sette giorni per chi è stato trovato fuori di casa senza motivo. (foto strettoweb.com)

©in20righe - RIPRODUZIONE RISERVATA




Potrebbero interessarti:

Aggiungi commento

Tutti i lettori possono manifestare il proprio pensiero nelle varie sezioni del sito. Ferma restando la piena libertà di ognuno di esprimere il proprio parere su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti, i commenti che risulteranno essere in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.



Aggiorna