463 morti, contagi a quota 8.000. Le Borse europee bruciano 608 mld

. Cronaca

Cresce l'epidemia: non si arresta l'escalation di contagi (7.985, 1.598 più di ieri) e aumenta il numero dei decessi (463, 97 nelle ultime 24 ore). Le persone guarite sono 724. Un quadro complessivamente drammatico che spinge il governo ad inasprire ulteriormente le misure per il contenimento del coronavirus (è di oggi la decisione di chiudere tutti gli impianti sciistici): Misure che, insistono da palazzo Chigi sostenuto in questo dal comitato tecnico-scientifico, devono essere osservate da tutti, senza eccezioni, perchè individuate - anche per l'esperienza cinese - come l'unico mezzo di contrasto e spegnimento di quella che l'Oms si appresta ormai a chiamare "pandemia" per essersi sviluppata in più di 100 paesi. La diffusione del coronavirus a macchia d'olio in Europa ha impaurito ancora di più le Borse del Vecchio continente che oggi hanno 'bruciato' 608 miliardi di capitalizzazione, un crollo verticale che non si verificava dal 2008. Solo Piazza Affari ha chiuso in doppia cifra negativa, - 11,17% (un ribasso secondo solo a quello legato al referendum sulla Brexit del 2016), con lo spread che si è impennato fino a 224 punti. Ma se in Europa si guarda con preoccupazione alla situazione italiana e all'aumento dei casi positivi in Francia, Germania e Spagna, Donald Trump dagli Stati Uniti minimizza il rischio del coronavirus anche se i casi accertati negli Usa sono già 546 e i morti 22. “Lo scorso anno 37.000 americani sono morti per la comune influenza. La media è tra i 27.000 e i 70.000 per anno. Nulla viene chiuso, la vita e l'economia vanno avanti" ha detto in un tweet l'inquilino della Casa Bianca.

©in20righe - RIPRODUZIONE RISERVATA




Potrebbero interessarti:

Aggiungi commento

Tutti i lettori possono manifestare il proprio pensiero nelle varie sezioni del sito. Ferma restando la piena libertà di ognuno di esprimere il proprio parere su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti, i commenti che risulteranno essere in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.



Aggiorna