Coronavirus: nel mondo 90.000 contagi e 3.000 morti (79 in Italia). Dall'Oms speranze sui vaccini

. Cronaca

"Più di venti vaccini anti-coronavirus sono in fase di sviluppo" da parte dell'Organizzazione mondiale della Sanità. L'annuncio è stato dato da Ginevra mentre il mondo registra 90.000 contagiati e oltre 3.000 morti. E' sempre l'Oms a segnalare che fuori dalla Cina sono stati registrati casi di coronavirus in 48 Paesi, l'80% di questi in Corea del Sud, Iran e Italia. Dodici nuovi Paesi hanno segnalato i loro primi casi e ci sono 21 Paesi con un solo caso: numeri - dice l'Oms - che mostrano un'epidemia che "sta diventando sempre più complessa". Tanto complessa che la Cina - la Cina - ha imposto la quarantena ai viaggiatori proveninenti dall'Italia e dagli altri paesi di grande diffusione e l'India ha fatto lo stesso imponendo la stessa precauzione ai viaggiatori proveninenti dalla Cina. Tanto complessa questa epidemia, e ancora molto preoccupante anche sul piano economico, che la Fed ha tagliato i tassi di interesse di mezzo punto (ma "ancora non basta" ha detto Trump) con una decisione che è la prima di "emergenza" dopo la crisi finanziaria del 2008 e che ha rivitalizzato un pò le Borse, ma non Wall Street. Piazza Affari ha chiuso in positivo poco sotto lo 0,5%.  Per quanto riguarda l'Italia l'ultimo bollettino diramato dalla Protezione Civile parla di 2.263 contagi (di cui l'80% registrati in Lombardia, Veneto e Emilia Romagna), 79 decessi e 160 guariti. Solo in Lombardia 1.520 contagi e 55 decessi. Tra i contagiati 1.000 sono in isolamento a casa, 1.034 i ricoverati in ospedale e 229 i ricoverati in terapia intensiva. Positivo al tampone anche un neonato di poche settimane che ora è in isolamento all'ospedale di Bergamo.

©in20righe - RIPRODUZIONE RISERVATA




Potrebbero interessarti:

Aggiungi commento

Tutti i lettori possono manifestare il proprio pensiero nelle varie sezioni del sito. Ferma restando la piena libertà di ognuno di esprimere il proprio parere su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti, i commenti che risulteranno essere in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.



Aggiorna