Primi 2 casi in Italia. Stop ai voli da e per la Cina. "Ma niente panico" dice Conte

. Cronaca

Mentre l'Oms dichiara l'emergenza "globale" per il coronavirus cinese, si registrano i primi due casi di infezione in Italia, a Roma. La notizia l'ha data in serata da palazzo Chigi il premier Giuseppe Conte, affiancato dal ministro della Salute Speranza. I contagiati sono una coppia di turisti cinesi, provenienti dalla provincia di Wuhan - dove il virus si è manifestato per la prima volta - giunta in Italia il 23 gennaio. Da allora hanno girato per il paese seguendo un itinerario che ora le autorità sanitarie stanno esaminando per prendere gli opportuni provvedimenti e per isolare quanti sono entrati in contatto con loro. Ora i due turisti, dopo aver accusato attacchi febbrili, sono stati ricoverati allo Spallanzani, in isolamento. I test hanno dato esito positivo: sono i primi due casi accertati di infezione da coronavirus in Italia (10 finora in Europa). La camera d'albergo, dove ha soggiornato la coppia, nella capitale, è stata sigillata. Secondo il premier non c'è motivo di preoccupazione perchè tutte le misure necessarie sono state prese: "Niente panico e non cedere ad allarmismi" hanno detto Conte affiancato da Speranza, che intanto ha deciso la sospensione dei voli da e per la Cina.

©in20righe - RIPRODUZIONE RISERVATA




Potrebbero interessarti:

Aggiungi commento

Tutti i lettori possono manifestare il proprio pensiero nelle varie sezioni del sito. Ferma restando la piena libertà di ognuno di esprimere il proprio parere su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti, i commenti che risulteranno essere in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.



Aggiorna