Anche la rossa Ferrara sedotta da Salvini, il Pd si riprende Livorno

. Politica

Anche la rossa Ferrara è stata sedotta da Salvini ("Risultato straordinario" ha commentato il leader del Carroccio). Neo-sindaco il leghista Alan Fabbri col 56,7% che ha sconfitto l'avversario del centrosinistra Modonesi col 43,2%. Un risultato storico: la città è passata al centrodestra dopo 74 anni. Nei ballottaggi per le Comunali 2019 un altro exploit del centrodestra a trazione leghista (ribaltati i numeri del 2017: 54 a 40 i capoluoghi di provincia ora governati dal centrodestra). Ma il centrosinistra regge e non molla riprendendosi per esempio Livorno a spese dei grillini e affermandosi o riconfermandosi in altre importanti città ("E' solo l'inizio, noi l'alternativa alla Lega" ha detto il segretario dem Zingaretti). Di Maio ha vinto a Campobasso, l'unico capoluogo in cui i Cinquestelle erano arrivati al ballottaggio, ma ha detto di non voler esibire "trofei" come fanno invece gli altri, riferendosi forse a cdx e csx che duellano in questo rinato bipolarismo. Il dato negativo di questi ballottaggi la scarsa affluenza, il 52%. Nel quadro generale (primo e secondo turno) il centrosinistra ha confermato Firenze, Bari, Bergamo, Modena, Pesaro, Lecce (al primo turno) e Prato, Cremona, Cesena, Reggio Emilia, Verbania (ai ballottaggi). A cui va aggiunto Avellino, dove il candidato del Pd è stato sconfitto ma Festa è comunque un civico di area di centrosinistra. In più il centrosinistra ha espugnato Livorno (era grillina) e Rovigo (al centrodestra). Il M5s ha perso sia Livorno che Avellino, ma ha conquistato Campobasso (togliendola al centrosinistra). Il centrodestra da parte sua ha confermato i primi cittadini di Perugia e Urbino (al primo turno) e Ascoli Piceno, Potenza e Foggia (al ballottaggio). Ma ha espugnato 7 comuni: Pavia, Pescara, Vibo Valentia, Ferrara,Vercelli, Forlì e Biella.

©in20righe - RIPRODUZIONE RISERVATA




Potrebbero interessarti:

I commenti sono chiusi