Manovra, Grillo "non si può essere contro il reddito di cittadinanza"

. Politica

Di ritorno da un viaggio (o forse da un "incubo", come racconta sul suo blog) a "Dubai Duboi Dubà, una città in cui c'erano solo grattacieli, la gente era quasi sospesa. L'inferno del postmoderno", Beppe Grillo dallo storico palcoscenico del teatro Ariston di Sanremo ha confermato il sostegno a Luigi Di Maio e alla manovra gialloverde. Il garante del MoVimento 5stelle, come racconta il sito Sanremonews.it, è partito - come fa ultimamente indossando i panni del futurologo visionario - dallo snocciolare numeri, statistiche, dati per raccontare il mondo che cambia e a un passo molto veloce, con un futuro fatto di una tecnologia sempre più avanzata e con l'uomo sempre meno schiacciato dal lavoro e più padrone di se stesso. Ma nelle due ore di spettacolo di "Insomnia. Ora dormo!", non potevano mancare i riferimenti più stringenti alla attualità politica. Così, se il reddito di cittadinanza è finito nel mirino dei 'fratelli coltelli' della Lega, Grillo - riferisce il Corriere della sera - non ha dubbi: "Va fatto, perché è una cosa che hanno in tutta Europa. Non si può essere contrari a una misura che migliora la vita di chi sta peggio". E poi ecco il sostegno esplicito all'azione del capo politico pentastellato, il vicepremier Luigi Di Maio: "Ma lo vogliamo dire che questo ragazzo di poco più di 28 anni ha fatto un rivoluzione incredibile? E lo vogliamo dire - ha aggiunto Grillo - che questa manovra è una cosa mai vista, perché non va a mettere le mani nelle tasche degli italiani".

©in20righe - RIPRODUZIONE RISERVATA




Potrebbero interessarti:

Aggiungi commento

Tutti i lettori possono manifestare il proprio pensiero nelle varie sezioni del sito. Ferma restando la piena libertà di ognuno di esprimere il proprio parere su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti, i commenti che risulteranno essere in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.



Aggiorna