Un "vero" centrosinistra, Berlusconi e Renzi, potrebbe vincere, le "rane" sgonfiarsi

. Politica

In politica ci sono due rane, gonfiate e molto, dal malcontento, ma anche dall'alternativa di scenari possibili. Alla fine se sei di destra, visto il traballante Berlusconi, sempre al centro di qualcosa, conflitto d'interessi o donnine varie, voti Salvini. Se sei a sinistra non ci capisci più niente e magari ti affidi, in un ultimo sussulto d'orgoglio, ai cinquestelle. Ma non tutto gira così, perché Salvini e Di Maio si alleano spiazzando un po' tutti, elettori compresi. Che ora stanno a guardare tra l'incuriosito e l'incazzato. Evidentemente dati elettorali alla mano, i più incazzati sono quelli di sinistra. Ora la politica se vorrà potrà proporre nuovi scenari, che poi sono vecchi come il cucco. Una volta esisteva il vero centrosinistra. Fanfani, agli inizi degli anni sessanta. si alleo'  con i socialisti. Pietro Nenni ando' agli Esteri, con grande scandalo degli atlantisti di allora, sempre alle prese con lo spavento comunista. Gli alleati minori, Psdi, Pri, Liberali si alternarono negli anni, per mantenere gli equilibri. Ma indubbiamente il centro vero c'era, ed era ben solido, rappresentato dalla pur molto variegata Dc che al suo interno aveva di tutto, destra a sinistra, e la sinistra era rappresentata dai socialisti. Poi arrivo' Craxi, che ribalto' un po' tutto, perché era sì di sinistra, ma talmente autonomista da mettere in crisi i rapporti con il "geloso " Pci di Berlinguer, che voleva fare il compromesso storico, scavalcando Craxi a pie' pari. Ora dopo Tangentopoli le cose sono davvero cambiate e di molto. Il centrosinistra di Prodi non era un vero centrosinistra ma una sinistra più estrema sinistra. Cioe' un blocco che andava dal Pd (che poi erano gli ex comunisti che avevano "usurpato" il posto politico di Craxi) a Rifondazione comunista. Antistorico e bocciato dalle vicende. Ora un accordo Renzi-Berlusconi potrebbe fare rinascere un vero centrosinistra. Ovvero Silvio l'uomo del centro, che al di la' delle vicissitudini umane, non si può non riconoscerglielo e Matteo, che uomo di sinistra e', anche se molto liberal, in senso britannico e non americano. Si sono annusati, quasi piaciuti ai tempi del Patto del Nazareno, poi hanno litigato per Mattarella. Che non ha aiutato poi nessuno due, soprattutto Renzi che pur lo ha portato al Quirinale. Se dovessero riallacciare una relazione elettorale, potrebbero vincere. Perché le rane di destra e di sinistra sono troppo gonfie e basta un niente per farle afflosciare. Da sole difficilmente reggerebbero al confronto del voto..

©in20righe - RIPRODUZIONE RISERVATA




Potrebbero interessarti:

Aggiungi commento

Tutti i lettori possono manifestare il proprio pensiero nelle varie sezioni del sito. Ferma restando la piena libertà di ognuno di esprimere il proprio parere su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti, i commenti che risulteranno essere in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.



Aggiorna