Messaggio più al paese che ai partiti, Mattarella "governo del Presidente" fino a dicembre, o elezioni

. Politica

Le parole di Mattarella, dopo l'ultimo giro di consultazioni, sono più un messaggio al paese che un invito, che ormai ritiene quasi inutile ai partiti. Il Presidente ha deciso. dopo tre giri di incontri con le delegazioni. Del resto e' il primo ad avere a che fare con due movimenti, la Lega ed il M5s, che non rispondono alla classica figura dei partiti tradizionali, sicuramente più attenti agli aspetti istituzionali.  Mattarella dal suo si prende un bel rischio pur di non affidare l'incarico a Salvini leader della coalizione più votata. Come avviene in tutto il resto d'europa. Anche la Merkel e Rajoy, pur non avendo la maggioranza, sono stati indicati per cercarla. Altrimenti sarebbe stato Salvini a gestire, se non avesse trovato i voti in Parlamento, le elezioni. Ora Mattarella lo chiama governo di tregua o "neutrale", ma pur sempre un governo del Presidente e'. Per Il Capo dello Stato si e' certificata "l'impossibilita' di una maggioranza" e per questo sprona i partiti a sostenere un esecutivo di servizio per varare la manovra, In alternativa se questo governo sarà subito bocciato in Parlamento, il voto a luglio o in autunno. Queste le sue accorate parole: "C'e' l'indisponibilita' dei partiti, ribaditami  oggi di trovare un'intesa politica. Non ci sono possibilità di un governo politico ed ho escluso un governo di minoranza. Ma il governo Gentiloni ha esaurito la sua funzione. Puo' essere utile dare ai partiti altro tempo per trovare un accordo, ma nel frattempo chiedo che consentano la nascita di un governo neutrale. Laddove si formasse una maggioranza questo governo si dimetterebbe". Ancora: "Se non si troverà una maggioranza, il governo si dimetterebbe comunque a dicembre, dopo la manovra di bilancio. Questo governo potrebbe anche gestire nuove elezioni non prima dell'estate". Mattarella indica anche i rischi di decisioni affrettate: "Vi e' il rischio che a legge elettorale invariata, con nuove elezioni si replichi una situazione simile a questa, con tre schieramenti ancora meno inclini ad una collaborazione, dopo una seconda campagna elettorale". Poi: "Chiedo alle forze politiche di sostenere questo governo transitorio. In mancanza, questo nuovo governo gestirà nuove elezioni: Sarebbe la prima volta nella storia repubblicana che una legislatura finisca prima ancora di iniziare. Scelgano i partiti..". Da ultimo: "L'ipotesi alternativa e' indire nuove elezioni subito, non ci sono i tempi per il voto entro giugno, si e' sempre evitato di fare elezioni in estate, perché e' difficile l'esercizio per i cittadini, quindi si potrebbe fissarle per l'inizio dell'autunno". Con una sua preoccupazione che rivolge anche a tutti gli italiani:"A me compete una preoccupazione che non vi sia dopo il voto il tempo per approvare il bilancio dello Stato, con il conseguente aumento dell'Iva e gli effetti recessivi. Questo potrebbe esporre la nostra economia a manovre speculative sui mercati finanziari". 

©in20righe - RIPRODUZIONE RISERVATA




Potrebbero interessarti:

Aggiungi commento

Tutti i lettori possono manifestare il proprio pensiero nelle varie sezioni del sito. Ferma restando la piena libertà di ognuno di esprimere il proprio parere su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti, i commenti che risulteranno essere in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.



Aggiorna