La Boldrini in modo poco istituzionale non applaude la Folgore

. Politica

Festa della Repubblica e parata. Che si porta appresso da sempre qualche polemica, tanto che per alcuni anni venne sospesa. Ora e' ritornata in modo meno militaresco e più civile, con tanto di sindaci a sfilare. La presidente della Camera Laura Boldrini, in un impeto di pacifismo, si e' presentata senza la tradizionale coccarda tricolore. Ed ha assistito con sguardo quasi assente alla sfilata. Non ha applaudito i para' della Folgore, un reparto che si e' ultimamente distinto nelle varie missioni all'estero, e che ha una valorosa tradizione. Poi ha deidicato i suoi tweet a ragazzi del Servizio civile. E' stato uno scivolone, perché un rappresentate delle istituzioni, terza carica dello Stato, al di la' di come personalmente la pensa, ha degli obblighi precisi. Soprattutto nei confronti di chi e' impegnato a difesa dell'Italia. Ma siccome quello di un certa sinistra e' un vizio duro da estirpare (Non ci vengano dire che amano veramente il tricolore), sono ancora fermi all'Internazionale, ecco puntuale arrivare l'interrogazione di Pippo Civati "Basta con la parata militare". E denuncia i costi "Dal 2010 spesi oltre 17 milioni di euro. In un periodo di crisi forse sarebbe più utile destinare le risorse della parata a interventi di tipo sociale come la lotta alla povertà". 

©in20righe - RIPRODUZIONE RISERVATA
Puoi leggerci da Smartphone e Tablet Pc direttamente su Google Play Edicola




Potrebbero interessarti:

I commenti sono chiusi