Alfano scaricato da tutti, perfino da Parisi "Renzi da febbraio ci chiede di far cadere Gentiloni"

. Politica

Alfano e' stato scaricato da tutti. Perfino Parisi l ha snobbato scartando l'ipotesi di una federazione centrista. Renzi lo ha quasi irriso sostenendo che uno che ha fatto il ministro di tutto non dovrebbe temere di non prendere il 5%. Berlusconi non vuole nemmeno sentire parlare del "traditore" e con Brunetta gli ha mandato a dire di cercare fortuna altrove. Anche gli uomini di Alfano sono disorientati perché dopo avere abbandonato Berlusconi nel momento del bisogno sul vascello lo comandato dall'ammutinato di palazzo Grazioli, ed avere approdato la' dove splendeva il "sole delle poltrone", si ritrovano spiazzati. Cominciano a capire che a Montecitorio potranno entrare solo per la qualifica di ex deputati. Si sono anche riuniti ed i veleni spruzzavano da tutti i pori. "Da febbraio Renzi ci chiede di far cadere Gentiloni", rivelano. Ma prima avevano taciuto, dicono per opportunità politica. Comunque per Alfano e' "conclusa la collaborazione con il Pd". C'e' da dire che Renzi non ha mai apprezzato Alfano, lo ha dovuto subire per potere avere una maggioranza. Quando a malincuore lo ha coinvolto in elezioni amministrative e' stato un vero disastro. Anziché aumentare voti ne ha persi. Ora l'ex delfino di Berlusconi, visto che necessita' fa virtù, annuncia: "Accettiamola la sfida del 5%". Impresa che sa dell'impossibile, perché chi a destra vorrà l'accordo con il Pd, voterà l'originale, cioè Berlusconi. Chi e' di destra destra certo non lo voterà, così come chi e' anche se moderato di sinistra. L'area dei moderati del centrodestra sarà guidata sempre da lui, Silvio Berlusconi. Ed appare probabile che l'obiettivo che si e' posto del 20% sia ampiamente raggiungibile, ed anche superabile,  con la nuova collocazione politica.

©in20righe - RIPRODUZIONE RISERVATA
Puoi leggerci da Smartphone e Tablet Pc direttamente su Google Play Edicola




Potrebbero interessarti:

I commenti sono chiusi