Polonia sotto choc: accoltellato sul palco muore il sindaco progressista di Danzica

. Esteri

Un intervento chirurgico di cinque ore nell'ospedale di Danzica non è riuscito a salvare la vita al sindaco progressista della città 'culla' di Solidarnosc. Pawel Adamowicz, 53 anni, non ce l'ha fatta ed è morto per le ferite da coltello provocategli da un attentatore ventisettenne, Stefan W., appena uscito di prigione dove si trovava dopo una rapina a mano armata. Il giovane assassino, che era riuscito a procurarsi un pass per la stampa, è salito sul palco della manifestazione di beneficenza cui partecipavano migliaia di persone nel momento in cui stava parlando il sindaco e lo ha accoltellato più volte urlando "Adamowicz è morto!" (sembra addebitando al sindaco e al suo partito al potere dal 2007 al 2015 la colpa della sua condanna). Molto popolare, sindaco di Danzica dal 1998 rieletto nel 2018 come indipendente con il 65% dei consensi, Adamowicz era tra i politici più in vista dell'opposizione al governo conservatore, sovranista ed euroscettico di Jaroslaw Kaczynski. Ha sempre avuto posizioni progressiste a sostegno dei diritti delle minoranze.

©in20righe - RIPRODUZIONE RISERVATA

 




 

Potrebbero interessarti:

I commenti sono chiusi