Asia, i dazi di Trump spingono al riavvicinamento tra Cina e Giappone

. Esteri

Pechino e Tokyo sono storici rivali geostrategici ed economici in Asia e nell'area del Pacifico, ma le aggressive politiche commerciali di Donald Trump sembrano spingere i due paesi a mettere da parte le loro rivalità e a collaborare. Il premier nipponico, Shinzo Abe, è in questi giorni in Cina per incontrare il presidente Xi Jinping a Pechino, nel primo summit bilaterale sino-giapponese dal 2011. La missione di tre giorni di Abe giunge al culmine di un rapido processo di riavvicinamento, legato soprattutto alla ripresa del dialogo in campo economico. La Cina è il principale partner commerciale del Giappone e Abe intende migliorare le relazioni, ma la leadership cinese per anni ha frenato, mostrando scarso interesse nel rivitalizzare le relazioni tra la seconda e la terza maggiori economie del mondo. Pechino diffida anche della politica estera del Giappone, che punta a limitare il crescente peso politico, economico e militare della Repubblica popolare, specialmente in Asia. Tuttavia, la 'guerra' commerciale in corso tra Cina e Stati Uniti, sembra aver spinto Pechino a riconsiderare l'approccio nei confronti di Tokyo, in parallelo alle aperture verso l'Unione europea e la Russia. Il nuovo accordo di libero scambio per il Nord America raggiunto tra Usa, Canada e Messico contiene la clausola dell'approvazione di Washington per accordi con le cosiddette economie non di mercato. E se tale riserva fosse inserita anche in nuove intese commerciali tra Stati con l'Ue e il Giappone, verrebbe di fatto imposta la scelta per queste economie di optare pro o contro Pechino. L'influenza delle scelte di Trump sul commercio globale ha esercitato un'enorme pressione non solo sulla Cina, ma anche sul Giappone. Così, il clima tra i due paesi è volto al sereno, con la classica cerimoniosità anche nel linguaggio tra i due leader: in un recente incontro per un summit internazionale a Vladivostok, Abe ha esortato il presidente cinese a revocare le restrizioni all'importazione di cibo da Fukushima. Xi ha risposto amabilmente, osservando che il riso giapponese "è delizioso"... Centinaia di uomini d'affari giapponesi accompagnano Abe nel suo viaggio a Pechino e si prevedono nuove collaborazioni nei settori della finanza, delle infrastrutture (anche in paesi terzi) e delle tecnologie digitali. Possibili sviluppi anche nel settore della Difesa, si starebbe lavorando alla creazione di una linea di comunicazione diretta tra le forze armate dei due paesi, dopo le recenti tensioni per dispute territoriali irrisolte su alcune isolette disabitate nel mar Cinese Orientale.

©in20righe - RIPRODUZIONE RISERVATA




Potrebbero interessarti:

Aggiungi commento

Tutti i lettori possono manifestare il proprio pensiero nelle varie sezioni del sito. Ferma restando la piena libertà di ognuno di esprimere il proprio parere su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti, i commenti che risulteranno essere in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.



Aggiorna