La storia si fa anche così: Kim e Moon mano nella mano saltellano sul 38/mo parallelo

. Esteri

La storia si fa anche così: un saltello sul 38/mo parallelo, mano nella mano. Le tv hanno immortalato così stamane nel villaggio di Panmunjom al confine tra le due Coree il dittatore a capo di quella del Nord, Kim Jong-un, e il presidente della Corea del Sud Moon Jae-in,. I due paesi sono ancora formalmente in guerra tra loro. Un incontro storico che porterà a trasformare l'armistizio del 1953, siglato alla fine della guerra di Corea, in un vero e proprio trattato di pace entro quest'anno e, forse, in tempi non determinati, alla riduzione degli arsenali convenzionali e alla denuclearizzazione della penisola. La stretta di mano, le cordialità, i sorrisi tra i due leader dopo la svolta dell'annuncio da parte di Kim di voler sospendere gli esperimenti e i lanci di missili intercontinentali che tanto hanno preoccupato e irritato Trump. In settant'anni è la prima volta che un leader nord-coreano passa il confine verso sud. "Una nuova storia comincia adesso" ha detto Kim che ha stretto la mano a Moon - uno di qua e l'altro di là del cordolo di cemento che segna fisicamente il confine - e poi con un saltello ha scavalcato lo scalino grigio invitando quindi il collega sudcoreano a compiere lo stesso passo dalla parte del nord. Cosa che hanno fatto insieme, mano nella mano. Alla cena che ha concluso la storica giornata Moon Jae-in e Kim Jong-un si sono ritrovati con le rispettive first ladies, Kim Jung-sook e Ri Sol-ju.

©in20righe - RIPRODUZIONE RISERVATA




Potrebbero interessarti:

I commenti sono chiusi