Terrorista era di Manchester. Bambini uccisi da dadi e bulloni trovati nei loro corpi dilaniati

. Esteri

Ad orrore si aggiunge orrore. Il terrorista della strage si chiamava Salam Abedi, un 23enne, cittadino britannico, di origini libiche. Ora viveva in quella città, Manchester, che ha fatto sprofondare nell'orrore e nella paura. E dire che molti dei giovani rimasti uccisi dalla bomba vigliacca erano suoi coetanei, cresciuti vicino a lui. Purtroppo c'erano anche molti bambini. Nei loro corpi sono stati trovati dadi e bulloni, che erano contenuti nell'ordigno. Intanto in Inghilterra la paura di nuovi attentati cresce. Theresa My lo ha detto:"Ci aspettano giorni difficili". Nella drammatica serata ci sono anche episodi toccanti. "Correte, correte con me". Paula un'insegnate di 48 anni ha portato in salvo 50 bambini in un albergo subito dopo l'esplosione, superando una barriera di folla. Al concerto erano in 20mila. Fa un po' impressione che ci fossero molti poco più che bambini senza genitori. Quindi l'obiettivo da colpire e stato scelto con cura dai terroristi."Nel nome di Dio, l'attentato di Manchester e' solo l'inizio". Parole dell'Isis in un video non ancora verificato che gira in rete. Poi: "Colpire i bambini non e' sbagliato". I terroristi invitano alla carneficina "collaterale di donne e bambini". La polizia sta procedendo ad una semidei arresti. Sarebbero stati individuati ed arrestati tre compagni del kamikaze. 

©in20righe - RIPRODUZIONE RISERVATA
Puoi leggerci da Smartphone e Tablet Pc direttamente su Google Play Edicola




Potrebbero interessarti:

I commenti sono chiusi