Manovra, Tria la difende. Spread a 321. Mercoledì il giorno del giudizio Ue

. Economia

Meno di 48 ore e poi arriverà il verdetto della Commissione Ue sulla manovra italiana, peraltro già bocciata nei suoi fondamentali. Mercoledì ci sarà l'apertura dell'iter di una procedura d'infrazione nei confronti del nostro paese per deficit eccessivo - cosa mai avvenuta prima su una legge di bilancio - o una più innocua 'messa in guardia' in attesa che la manovra passi l'esame parlamentare (e magari venga un pò ritoccata)? In questa tesa vigilia, con lo spread che in giornata ha superato la soglia dei 320 punti chiudendo poi a 321, il ministro dell'Economia Giovanni Tria ha partecipato ad un Ecofin a Bruxelles riscontrando la freddezza dei colleghi su una legge di bilancio che fissando un deficit per il 2019 al 2,4% non rispetta gli impegni presi solo sei mesi fa dal governo italiano e - a detta non solo della Commissione Ue ma anche dei singoli paesi europei, Austria e Olanda in primis - viola le regole Ue. Tria ha difeso la manovra, ha annunciato che le misure in essa contenute non si cambiano (reddito e pensioni) ed ha ricordato per esempio che la Francia ha sempre avuto più alto del 2,4% il rapporto deficit-Pil. Insomma, la manovra non cambia anche se l'Italia - ha detto di nuovo - "intende dialogare con la Commissione". Una dichiarazione di intenti in linea con le ultimissime prese di posizione di un governo - ma soprattutto di Conte e dello stesso Tria - che al di là delle battute polemiche anti-Bruxelles appare sempre più preoccupato per le decisioni che prenderà la Commissione. Tria dice che vuole 'dialogare' anche se Di Maio e Salvini non abbassano il tiro. Il vice-premier e capo politico dei Cinquestelle ostenta serenità: "Procedura di infrazione? Non mi preoccupa". E il capo della Lega minaccia: 'Se la decisione ci danneggia diremo no alla proposta franco-tedesca di bilancio dell'eurozona', quella proposta che vorrebbe escludere dalla distribuzione dei fondi europei i paesi (come l'Italia) non in regola con la norme Ue.

©in20righe - RIPRODUZIONE RISERVATA




 

Potrebbero interessarti:

Aggiungi commento

Tutti i lettori possono manifestare il proprio pensiero nelle varie sezioni del sito. Ferma restando la piena libertà di ognuno di esprimere il proprio parere su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti, i commenti che risulteranno essere in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.



Aggiorna