Bankitalia: Pd contro il rinnovo a Visco, "Serve nuova figura"

. Economia

Il Pd è contrario a rinnovare il mandato a Ignazio Visco, il cui incarico alla guida di Bankitalia scade a fine mese (è stato nominato nel 2011). Questo il senso di una mozione approvata oggi a Montecitorio in cui il partito di Renzi dopo gli scandali bancari dei mesi scorsi che avrebbero evidenziato secondo il Nazareno diverse crepe nella vigilanza affidata a Palazzo Koch punta a mollare Visco e a guardare per il ruolo di governatore ad un'altra personalità, una che corrisponda all'identi-kit di essere una "figura idonea a garantire nuova fiducia nell'istituto". La mozione è stata in parte ammorbidita in alcuni punti su indicazione del governo e alla fine approvata dall'Aula con 213 voti a favore, 97 contrari e 99 astenuti. Le opposizioni chiedevano di rinviare la delicata questione a dopo le elezioni. Mdp si è astenuta ma Bersani ha attaccato frontalmente la mozione Pd "La mozione del Pd è fuori da ogni logica, non puoi buttare in piazza la Banca d'Italia così. Quando vedo il partito di maggioranza fare una cosa del genere, cominciamo a essere fuori come un balcone" ha detto l'ex-segretario. Nel testo con la prima firmataria Silvia Fregolent, il Pd impegna il governo "ad adottare ogni iniziativa utile a rafforzare l'efficacia delle attività di vigilanza sul sistema bancario ai fini della tutela del risparmio e della promozione di un maggiore clima di fiducia dei cittadini individuando a tal fine, nell'ambito delle proprie prerogative, la figura più idonea a garantire nuova fiducia nell'Istituto". La nomina del Governatore di Bankitalia è disposta con decreto del presidente della Repubblica, su proposta del presidente del Consiglio dei ministri, previa deliberazione del Consiglio dei ministri, sentito il parere del Consiglio superiore della Banca d'Italia.

©in20righe - RIPRODUZIONE RISERVATA
Puoi leggerci da Smartphone e Tablet Pc direttamente su Google Play Edicola




Potrebbero interessarti:

Aggiungi commento

Tutti i lettori possono manifestare il proprio pensiero nelle varie sezioni del sito. Ferma restando la piena libertà di ognuno di esprimere il proprio parere su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti, i commenti che risulteranno essere in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.



Aggiorna