Banche, parte la Commissione d'inchiesta e intanto si tratta sul salvataggio

. Economia

C'e' un evidente problema banche in Italia, con molti istituti in piena crisi, con debiti inesigibili che non riescono a rialzarsi dalla palude nella quale sono cadute. Con responsabilità di amministratori e anche di politici. I casi più clamorosi sono quelli del Monte dei Paschi di Siena, glorioso e primo istituto di credito ad avere visto la luce nella Firenze rinascimentale e di banca Etruria, anche per il coinvolgimento della ministra Boschi e del suo babbo, che e' stato vicepresidente dell'Istituto, nel momento di maggiore sofferenze. C'e' una generosa offerta di Intesa sulle venete con una proposta condizionata per il salvataggio per la Popolare di Vicenza e Veneto banca. Prezzo simbolico, un euro, con pero' l'esclusione dei crediti deteriorati. Resterebbero da risolvere i nodi degli esuberi ed il via libera necessario parte di tutte le Autorità competenti. Per il governo Gentiloni si tratterebbe di un bel sospiro di sollievo. Intanto parte la tanto attesa Commissione d'inchiesta parlamentare (20 deputati e 20 senatori) che avra' gli stessi poteri dell'autorità giudiziaria, e nessuno potrà mentire durante le audizione, pena l'accusa di falso o sottrarsi dal presentare la documentazione richiesta. C'e' naturalmente soprattutto in  un periodo caldo, con le lezioni ormai alle porte anche se si dovesse votare alla scadenza naturale in primavera, il rischio strumentalizzazione. Tanto che il Colle invita esplicitamente la Commissione a non diventare uno strumento di campagna elettorale. Sono sotto esame ben tre governo, anche se i riflettori sono tutti puntati sulla gestione Renzii. Che esclama "finalmente". Nei mesi scorsi  ne aveva reclamato la necessita'  anche per "togliersi qualche sassolino dalle scarpe", e chiarire bene come sono andate le cose. Ma anche i suoi avversari, grillini e Bersani in testa ne fanno un punto di disputa politica, minacciando di usare la Commissione per denunciare le colpe del governo Renzi. Tanto che Bersani chiede di partire da Banca Etruria e dalla vicenda Boschi, cosa alla quel il Pd si oppone. E silitiga già su chi sarà il presidente.

©in20righe - RIPRODUZIONE RISERVATA
Puoi leggerci da Smartphone e Tablet Pc direttamente su Google Play Edicola




Potrebbero interessarti:

Aggiungi commento

Tutti i lettori possono manifestare il proprio pensiero nelle varie sezioni del sito. Ferma restando la piena libertà di ognuno di esprimere il proprio parere su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti, i commenti che risulteranno essere in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.



Aggiorna