Ladri acrobati, arrestati dai CC e rilasciati dopo sole 24 ore

. Cronaca

C'e' più di qualcosa che non funziona nel sistema giudiziario italiano. Ladri acrobati, pericolosi e scaltri. Che una volta entrati in azione non e' detto che non diventino anche rapinatori con violenza sulle persone da derubare. Ebbene i carabinieri e la polizia fanno il loro dovere a rischio della loro stessa incolumità e poi vedono vanificare il proprio lavoro. Da immaginarsi il loro stato d'animo che mette a repentaglio anche il loro impegno. A Roma una pattuglia di carabinieri, mentre percorreva via Prenestina, ha intercettato tre malviventi mentre stavano forzando la finestra di un appartamento. I ladri si erano arrampicati scalando l'edificio aggrappandosi ai tubi. Arrestati in fragranza di reato. Sono stati subito rimessi in libertà in attesa di processo. Hanno solo l'obbligo di firma serale. E la possibilità concreta di svignarsela e continuare a delinquere. Si tratta di gente pericolosa, un romeno e due slavi. Quindi sono sottoposti solo a sorveglianza speciale nonostante uno dei malviventi avesse già scontato una condanna per furto. Forse pero' una condanna già c'e', e' quella per i cittadini a non essere garantiti nella sicurezza delle proprie abitazioni. 

©in20righe - RIPRODUZIONE RISERVATA




Potrebbero interessarti:

I commenti sono chiusi