Italiani troppo 'pigri' con lo spazzolino (solo 30 secondi). Rischio diabete

. Cronaca

Italiani troppo 'pigri' con lo spazzolino da denti, lo usano solo 30 secondi al giorno quando per una corretta igiene dentale bisognerebbe utilizzarlo per quattro minuti, e dietro l'angolo, tra i rischi della mancata prevenzione, c'è il diabete. Di questo e altro si è parlato al VI Congresso dell'Istituto Stomatologico Toscano di Viareggio su diabete e malattie odontoiatriche. “Le infezioni del cavo orale e altre malattie sono strettamente interconnesse. In particolare esiste un rapporto bidirezionale con il diabete” dichiara il prof. Ugo Covani, Direttore dell’Istituto Stomatologico Toscano. La bocca è lo specchio della salute: per questo l’odontoiatra e l’igienista dentale hanno un ruolo di primo piano come sentinelle della salute. Le infezioni orali sono oggi studiate molto attentamente perché attraverso complessi meccanismi possono portare a danni sistemici. Un’attenta cura delle infezioni del cavo orale può contribuire dunque a migliorare anche la terapia. “Ogni paziente dovrebbe avere la giusta consapevolezza dell’importanza di un controllo periodico per prevenire le malattie orali e risparmiare nel futuro, visto che la prevenzione permette di evitare interventi più costosi e invasivi” evidenzia la professoressa Anna Maria Genovesi, professore straordinario all'Università Guglielmo Marconi di Roma e Responsabile del Servizio di Igiene e Prevenzione orale dell’Istituto Stomatologico Toscano. Le prime forme di prevenzione da adottare sono un costante controllo e una particolare cura nella pulizia dei denti. I primi segni di disturbi gengivali includono rossore o gonfiore delle gengive, sanguinamento o comparsa di sangue dopo l’uso dello spazzolino, denti all’apparenza più lunghi e spazi più ampi tra i denti. Indipendentemente dalla comparsa o meno di questi sintomi, sarebbe necessario recarsi dal dentista e/o dell’igienista dentale due volte all’anno. Inoltre, seguendo i consigli del proprio igienista, sarebbe auspicabile lavarsi i denti almeno due volte al giorno con una media di spazzolamento corretto di almeno 4 minuti, contro gli attuali 30 secondi che la media della popolazione italiana. Come riscontrato dai professionisti del settore, l’igiene interdentale pulisce l’85% del cavo orale, mentre il semplice spazzolino solo il 60%.

©in20righe - RIPRODUZIONE RISERVATA




Potrebbero interessarti:

Aggiungi commento

Tutti i lettori possono manifestare il proprio pensiero nelle varie sezioni del sito. Ferma restando la piena libertà di ognuno di esprimere il proprio parere su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti, i commenti che risulteranno essere in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.



Aggiorna