Le ossa nella Nunziatura: alcune sono di donna, cautela su Emanuela Orlandi

. Cronaca

Con la scoperta di ossa umane nel sotterraneo della Nunziatura apostolica di via Po a Roma, Villa Giorgina, zona extra-territoriale (uno scheletro quasi intero e altri frammenti), si sono riaccesi i riflettori sulla scomparsa di Emanuela Orlandi, quindicenne figlia di un cittadino vaticano, e di Mirella Gregori, anche lei quindicenne scomparsa da via Nomentana quaranta giorni prima di Emanuela. Due casi forse collegati. Due giovanissime sparite nel nulla a distanza di pochi mesi l'una dall'altra nel 1983, trentacinque anni fa. I loro nomi sono stati immediatamente accostati a quel ritrovamento casuale effettuato tre giorni fa da quattro operai impegnati nel rifacimento di una pavimentazione nella sede diplomatica della Santa Sede presso lo stato italiano su cui sta indagando la procura di Roma sollecitata ad intervenire dalla gendarmeria vaticana. Ma c'è grande cautela sull'ipotesi che i resti possano appartenere a una, a tutte e due o a nessuna delle giovani. Al momento si tratta solo di speculazioni alimentate dal mistero di quelle due scomparse ed infatti i parenti di Emanuela e Mirella vogliono sapere perché i nomi delle loro congiunte siano stati subito accostati dai media al macabro rinvenimento di ossa nella Nunziatura. L'ipotesi di lavoro dei magistrati è quella di omicidio ma prima degli esami del Dna, sempre che sia possibile farli - e ciò dipende anche dallo stato di conservazione dei resti - e prima di una datazione certa quelle ossa non 'parleranno'. Al momento, ma non ci sono conferme, quelle ossa apparterrebbero a due persone diverse e alcuni frammenti, le ossa di un bacino, sarebbero di una donna. "Chiederemo alla Procura di Roma e alla Santa Sede in che modalità sono state trovate le ossa e come mai il loro ritrovamento sia stato messo in relazione con la scomparsa di Emanuela Orlandi o Mirella Gregori", ha detto Laura Sgrò, il legale che ha accompagnato Pietro Orlandi, fratello di Emanuela, in Procura. Il caso di Emanuela Orlandi è uno dei grandi misteri degli ultimi decenni che ha visto coinvolti a vario titolo il Vaticano e lo Stato italiano, lo Ior, la banda della Magliana, il Banco Ambrosiano e i servizi segreti di vari paesi. 

©in20righe - RIPRODUZIONE RISERVATA




Potrebbero interessarti:

Aggiungi commento

Tutti i lettori possono manifestare il proprio pensiero nelle varie sezioni del sito. Ferma restando la piena libertà di ognuno di esprimere il proprio parere su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti, i commenti che risulteranno essere in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.



Aggiorna