Meteo, allarme maltempo su tutta l'Italia. Sanò "condizioni peggiori da inizio anno"

. Cronaca

Allarme meteo da sabato a lunedì su tutta Italia. " Si verificheranno le condizioni meteorologiche peggiori da inizio anno", avverte Antonio Sanò, fondatore e direttore de "ilmeteo.it", sito leader per la meteorologia in Italia, che spiega: "Una poderosa perturbazione atlantica, preceduta da intense correnti sciroccali e seguita da impetuosi venti occidentali umidi oceanici, produrrà precipitazioni che nell'arco di 72 ore raggiungeranno una quantità pari a quella di tre mesi. I fenomeni risulteranno eccezionali su Liguria, Piemonte e su molte zone alpine e prealpine della Lombardia, del Trentino, del Veneto, e del Friuli Venezia Giulia. Alluvioni lampo potranno colpire la Toscana, il Lazio - anche la città di Roma - la Campania e Napoli, con criticità idrogeologiche massime". Sanò ricorda come "negli ultimi anni questo tipo di configurazioni" meteorologiche abbia "purtroppo causato gravi danni". I meteorologi de "ilmeteo.it" sottolineano: "Una poderosa perturbazione atlantica preceduta da intense correnti sciroccali e seguita da impetuosi venti occidentali oceanici sta per colpire le nostre regioni con eclatanti effetti. Nel corso delle prossime ore assisteremo a una escalation di fenomeni violenti, in particolare sulle regioni settentrionali, ma neppure le regioni centrali tirreniche, la Sicilia e la Calabria ne saranno completamente escluse". Anche i venti dai quadranti meridionali risulteranno particolarmente forti, raggiungendo localmente raffiche fino a 100 chilometri l'ora. I mari, di conseguenza, saranno agitati, con elevato il rischio di mareggiate, con onde alte anche 8 metri sul mar di Sardegna. Un fenomeno certamente più suggestivo e meno pericoloso, ma sicuramente portatore di disagi è quello dell'acqua alta a Venezia: i forti venti di scirocco contribuiranno a far alzare notevolmente la marea, che martedì 30 ottobre potrà toccare anche i 160 centimetri, un dato eccezionale per la città lagunare. Sul resto della penisola sempre martedì i fenomeni tenderanno ad attenuarsi, ma sarà una breve tregua. Un nuovo consistente peggioramento è atteso già a partire da mercoledì 31, con maltempo per la festività di Ognissanti, l'1 novembre, e nella giornata successiva con fenomeni localmente anche violenti. (foto di Anne Worner)

©in20righe - RIPRODUZIONE RISERVATA




Potrebbero interessarti:

Aggiungi commento

Tutti i lettori possono manifestare il proprio pensiero nelle varie sezioni del sito. Ferma restando la piena libertà di ognuno di esprimere il proprio parere su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti, i commenti che risulteranno essere in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.



Aggiorna