Lanzalone lascia Acea, M5s in imbarazzo, Raggi infuriata "Io estranea, ora le querele"

. Cronaca

Grillini in forte imbarazzo per i clamorosi sviluppi e la raffica di arresti ordinata dalla Procura della capitale nell'inchiesta sullo stadio della Roma, inchiesta che vede coinvolti a vario titolo anche diversi esponenti dei Cinquestelle o vicini al M5s. Infuria la polemica politica. Di Maio diserta la sua partecipazione a Porta a Porta mentre il premier Conte nega che esista un 'caso Roma' per la corruzione, "casomai - dice - c'è un caso Italia: occorre vigilare e contrastare". Dal carcere il costruttore Luca Parnasi nega le accuse: "Mai commesso reati" ha detto ai suoi difensori. A 24 ore dall'arresto (domiciliari) si è dimesso da presidente del Cda dell'Acea, la municipalizzata per acqua e energia della capitale, il 'consigliere' della sindaca Raggi per lo stadio, Luca Lanzalone, che Grillo e Casaleggio avevano spedito a Roma per dare una mano alla prima cittadina sul delicato e tormentato progetto. Il manager sarebbe stato premiato con la presidenza dell'Acea proprio per aver saputo risolvere nodi intricati relativi alla prevista mega-struttura fortenmente voluta dal presidente della Roma James Pallotta che dovrebbe sorgere a Tor di Valle (il condizionale è d'obbligo perchè ben che vada i tempi di realizzazione saranno molto più lunghi).  Riferendosi agli sviluppi del'inchiesta giudiziaria, l'ex-assessore Berdini attacca e dice che "è peggio di Mafia capitale". In questa tempesta politico-giudiziaria la sindaca Raggi (totalmente estranea ai fatti, ha detto la Procura) si mostra infuriata e passa al contrattacco minacciando querele: "La rassegna stampa è vergognosa - afferma - i giudici dicono che io non c'entro niente e non c'è un giornale che abbia avuto il coraggio di riportare questa notizia. Il Comune, i romani e la società Roma calcio sono la parte lesa. Partono oggi le querele". (la foto da Corriere.it) 

©in20righe - RIPRODUZIONE RISERVATA




Il dipartimento Urbanistica del 

Potrebbero interessarti:

I commenti sono chiusi