Lo stadio della Roma e l'ultimo tweet della Raggi. Il Pd: "Si dimetta"

. Cronaca

E' di ieri l'ultimo tweet della sindaca di Roma Virginia Raggi sullo stadio della Roma e sullo stato di avanzamento del progetto: "Un sogno che vogliamo diventi presto realtà", scrive la prima cittadina. E nemmeno 24 ore dopo, per un'inchiesta della Procura di Roma, su quello stadio è calata l'ombra della corruzione con arresti eccellenti e il coinvolgimento a vario titolo anche di esponenti Cinquestelle, oltre che di Fi e Pd. Un coinvolgimento che probabilmente avrà come primo effetto quello di allungare i tempi della costruzione e che, politicamente, ha indotto il Pd a chiedere le dimissioni della prima cittadina (per la Procura estranea all'indagine, come del resto l'As Roma)  "Lo stadio a Tor di Valle si avvicina. Voglio aggiornarvi: ieri a mezzanotte - ha twittato la sindaca - è scaduto il tempo per presentare osservazioni al progetto. Ne sono arrivate 31. E già da questa mattina ci siamo messi al lavoro per rispondere nel merito. Non perdiamo tempo. Quest'opera - che noi abbiamo modificato ottenendo il taglio delle cubature di cemento e aumentando il verde - porterà nuovi posti di lavoro e migliorerà la vita degli abitanti nel quadrante sud della città. Tutti i cittadini potranno leggere la documentazione della Conferenza dei servizi sul portale di Roma Capitale. #UnoStadioFattoBene, un progetto unico, innovativo, moderno e rispettoso dell’ambiente perché ecosostenibile ma al tempo stesso tecnologicamente all’avanguardia.Vogliamo che il sogno dello stadio a Tor di Valle diventi presto realtà". Sempre su twitter la presa di posizione del Pd, con Michele Anzaldi: "L’indagine sullo Stadio di Roma mostra che l’Amministrazione M5s del Campidoglio è pesantemente coinvolta fino al vertice. Altro che onestà! La sindaca Raggi pensi per una volta a Roma, la salvi da questo calvario e valuti di dimettersi".

©in20righe - RIPRODUZIONE RISERVATA

 



Potrebbero interessarti:

Aggiungi commento

Tutti i lettori possono manifestare il proprio pensiero nelle varie sezioni del sito. Ferma restando la piena libertà di ognuno di esprimere il proprio parere su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti, i commenti che risulteranno essere in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.



Aggiorna