Stadio della Roma: raffica di arresti. L'accusa: corruzione. Nei guai il costruttore e nomi di spicco di Fi, Pd e Cinquestelle

. Cronaca

Raffica di arresti (nove) con l'accusa di corruzione per il nuovo stadio della Roma che dovrebbe sorgere a Tor di Valle. In manette il costruttore Luca Parnasi e cinque suoi collaboratori, ai domiciliari un esponente politico di Forza Italia e uno del Pd e il presidente di Acea Luca Lanzalone, vicino ai Cinquestelle, l'uomo mandato da Grillo e Casaleggio a Roma per dare una mano alla sindaca Virginia Raggi nella complessa vicenda della costruzione dello stadio voluto dal presidente della Roma Pallotta, un progetto tormentato che fu infine licenziato nel febbraio del 2017 con una variante - quella sotto inchiesta - che prevede il taglio della metà delle cubature previste nella prima versione. Nell'inchiesta della Procura di Roma non sono coinvolti nè la As Roma nè la sindaca Raggi, anche se tutta la vicenda costituisce un brutto colpo per lei e per il Movimento. "Se è tutto regolare - ha commentato la sindaca - spero che il progetto vada avanti. Chi ha sbagliato pagherà, noi siamo per la legalità". Ai domiciliari sono finiti Adriano Palozzi, vicepresidente del Consiglio della Regione Lazio di Forza Italia e Michele Civita, ex assessore regionale del Pd, Luca Lanzalone, presidente Acea e consulente per M5S sullo stadio. Tra i 16 indagati il capogruppo del Movimento 5 Stelle in Campidoglio, Paolo Ferrara (che si è autosospeso da M5s) e Davide Bordoni, capogruppo di Forza Italia. L'inchiesta coordinata dal procuratore aggiunto Paolo Ielo ipotizza una rete di corruzione trasversale tra politici locali di Regione e Campidoglio e imprenditori che si sostanziava secondo in soldi, consulenze e fatture per operazioni inesistenti. Sulla vicenda si è espresso anche il ministro dell'interno Matteo Salvini che riferendosi al costruttore Parnasi, che avrebbe finanziato con un forte contributo la campagna della Lega, ha detto: "Dico qualcosa controcorrente, chi stava lavorando alla costruzione dello stadio della Roma (Parnasi, ndr) lo conosco personalmente come una persona perbene. Ora è nelle patrie galere, non si conosce mai una persona fino in fondo, spero possa dimostrare la sua innocenza".

©in20righe - RIPRODUZIONE RISERVATA




 

Potrebbero interessarti:

Aggiungi commento

Tutti i lettori possono manifestare il proprio pensiero nelle varie sezioni del sito. Ferma restando la piena libertà di ognuno di esprimere il proprio parere su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti, i commenti che risulteranno essere in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.



Aggiorna