Vittorio Emanuele III ha raggiunto la moglie a Vicoforte. Polemiche tra i Savoia

. Cronaca

Dopo la moglie e' stata portata in Italia anche la salma di Vittorio Emanuele III, che e' stata tumulato nel santuario di Vicoforte, nei pressi di Mondovi'. L'operazione del rientro delle salme e' stata possibile solo grazie al presidente Mattarella, che ha dato la sua autorizzazione. Polemiche feroci itan casa Savoia. La trattativa per fare riposare i nonni sul suolo italiano e' sta condotta dalla nipote Maria Gabriella all'insaputa di Vittorio Emanuele e del figlio Filiberto che avrebbero voluto portare l'avo al Pantheon. Cosa pero' al momento non possibile. Ad attendere il rientro in Italia dell'ex sovrano si era radunata una piccola folla di curiosi e simpatizzanti. L'aereo militare che ha riportato in Italia le spoglie del re e' partito nella notte da Alessandria d'Egitto, dove il sovrano riposava dal 28 dicembre del 47, data della sua morte. Nessun voce polemica al rientro dell'ex sovrano all'infuori delle comunità ebraiche secondo le quali si tratta di "un fatto inquietante", avendo Vittorio Emanuele III firmato le leggi razziali dl '38. La bara e' giunta avvolta nel tricolore con lo stemma reale. La riservatezza ha caratterizzato tutta la vicenda, anche se casa Savoia smentisce le voci e minimizza i contrasti. Il conte Federico Radicati, a nome della famiglia, sottolinea che anche Vittorio Emanuele, nipote dell'ex sovrano, aveva firmato per il rientro della salma in Italia e per il suo trasferimento a Vicoforte. Il Conte ha riferito che tutto e' partito da una lettera inviata il 10 maggio a Mattarella che auspicava il trasferimento dei reali in  Italia in occasione del centenario della Grande Guerra.

©in20righe - RIPRODUZIONE RISERVATA
Puoi leggerci da Smartphone e Tablet Pc direttamente su Google Play Edicola




Potrebbero interessarti:

Aggiungi commento

Tutti i lettori possono manifestare il proprio pensiero nelle varie sezioni del sito. Ferma restando la piena libertà di ognuno di esprimere il proprio parere su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti, i commenti che risulteranno essere in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.



Aggiorna