A tumulazione avvenuta l'annuncio, la salma della regina Elena in Italia

. Cronaca

©in20righe - RIPRODUZIONE RISERVATA
Puoi leggerci da Smartphone e Tablet Pc direttamente su Google Play Edicola

La salma della regina Elena di Savoia, moglie di Vittorio Emanuele III, e' stata trasferita dalla Francia in Italia. La notizia si e' appresa, come a volte avviene per i funerali, a cose fatte, in questo caso a tumulazione avvenuta. Ed e' polemica sui metodi clandestini di rimpatrio, anche se la famiglia ringrazia il presidente Mattarella per avere concesso questo rimpatrio. Del resto la discrezione aveva sempre accompagnato la vita di questa regina, antesignana dei tempi, per i suoi modi di fare, che ricordano quelli dell'attuale monarchia britannica. E' stata la penultima regina d'Italia come ordine, anche se in effetti l'ultima a regnare veramente. I suoi resti sono stati trasferiti da Montpellier in Francia, dove era stata sepolta alla sua morte, avvenuta in esilio, quando aveva 79 anni, nel 1952, in Piemonte a Vicoforte, vicino a Mondovi'. Ora forse si avvicinano i tempi anche per riportare in Italia la salma di Vittorio Emanuele III, il re della guerra, quello sempre ripreso nelle foto con Mussolini. Vittorio Emanuele III abdico' nel maggio del 1946 in favore del figlio, Umberto II, il famoso re di maggio. Perche' il  2 giugno del '46 si svolse il referendum che vide vincere la Repubblica con la sconfitta della monarchia. Vittorio Emanuele III fuggi dall'Italia e si stabili' ad Alessandria d'Egitto, deve mori' settant'anni fa, il 28 dicembre del 1947. Il pronipote Emanuele Filiberto avrebbe preferito una maggiore attenzione per questo avvenimento, mentre la zia, Maria Gabriella, che della regina Elena e' la diretta nipote, ha pubblicamente ringraziato il presidente Mattarella per avere permesso il rientro della salma in Italia.




 

Potrebbero interessarti:

Aggiungi commento

Tutti i lettori possono manifestare il proprio pensiero nelle varie sezioni del sito. Ferma restando la piena libertà di ognuno di esprimere il proprio parere su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti, i commenti che risulteranno essere in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.



Aggiorna