Padre disperato dà fuoco alla casa: morti 3 dei suoi 4 figli, lui si toglie la vita

. Cronaca

Tragedia della povertà e della disperazione a Como: un uomo di 49 anni, di origine marocchina, con permesso di soggiorno ma disperato perchè senza lavoro e con la moglie ricoverata in una comunità per sintomi depressivi ha dato fuoco alla sua casa, all'ultimo piano di una palazzina in via San Fermo della Battaglia. Nel rogo hanno perso la vita tre dei suoi quattro figli di 3, 9 e 11 anni. Un'altra figlia, una bimba di 6 anni, è l'unica sopravvissuta ma è gravissima in ospedale. L'uomo è stato trovato cadavere al'interno dell'appartamento: probabilmente si è tolto la vita. Le prime risultanze parlano di un omicidio-suicidio: l'uomo aveva perso il lavoro e non riusciva a tirare avanti anche se la famiglia risultava assistita dai servizi sociali del comune. Pochi dubbi quindi, secondo gli inquirenti, circa la dinamica della tragedia. Nelle ultime settimane l'uomo, tra l'altro, temeva che gli sarebbero stati tolti anche i bambini, tre femmine e un maschio, tutti nati in Italia e perfettamente integrati. I vigili del fuoco sono arrivati con diverse squadre per spegnere le fiamme, il padre è stato trovato già morto, tre dei piccoli sono deceduti dopo numerosi e disperati tentativi di rianimarli negli ospedali di Como, Varese e Cantù. Dopo oltre due ore di tentativi di rianimazione è ripresa l'attività cardiocircolatoria dell'altra bambina di 6 anni, l'unica sopravvissuta. La piccola è stata trasportata all'ospedale Buzzi di Milano, ma le sue condizioni restano gravissime.

©in20righe - RIPRODUZIONE RISERVATA
Puoi leggerci da Smartphone e Tablet Pc direttamente su Google Play Edicola




Potrebbero interessarti:

Aggiungi commento

Tutti i lettori possono manifestare il proprio pensiero nelle varie sezioni del sito. Ferma restando la piena libertà di ognuno di esprimere il proprio parere su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti, i commenti che risulteranno essere in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.



Aggiorna