Non solo Roma: due terzi dell'Italia a secco, 2 miliardi di danni

. Cronaca

A secco non solo Roma - dove in assenza di novità dal 28 luglio scatterà il razionamento dell'acqua per un milione e mezzo di persone - in quest'estate tra le più calde degli ultimi due secoli. Secondo uno studio della Coldiretti 2/3 dell'Italia e dei campi coltivati lungo la Penisola, da Nord a Sud, soffrono per la siccità delle ultime settimane ed ammontano ad oltre 2 miliardi i danni provocati a coltivazioni e allevamenti. Almeno 10 Regioni stanno per presentare la richiesta di stato di calamità naturale al ministero delle Politiche agricole. La misura prevede, per le aziende, sospensione delle rate dei mutui, blocco dei pagamenti dei contributi e accesso al Fondo per il ristoro danni. Sempre secondo la Coldiretti i dati sulla siccità sono davvero allarmanti: il Lago di Garda e appena al 34,4% di riempimento del volume mentre il fiume Po al Ponte della Becca a Pavia a circa 3,5 metri sotto lo zero idrometrico. Per gli agricoltori è sempre più difficile ricorrere all'irrigazione di soccorso per salvare le produzioni. In Lombardia, ad esempio, sui pascoli di montagna si registra un calo del 20% di erba a disposizione del bestiame. 

©in20righe - RIPRODUZIONE RISERVATA
Puoi leggerci da Smartphone e Tablet Pc direttamente su Google Play Edicola




Potrebbero interessarti:

I commenti sono chiusi